Microstays in more than 3,000 international Hotels

Riscoprire Roma tra un giardino di farfalle, un bar segreto e un microstay. 

Riscoprire Roma tra un giardino di farfalle, un bar segreto e un microstay. 

Questa non è la classica lista di cose da fare a Roma che siete abituati a leggere ovunque. Non credo ci sia bisogno di dirvi che se vi trovate nella Città Eterna avete l’obbligo di fare un minimo le persone serie e visitare i suoi luoghi storici, quali il Colosseo, I fori Imperiali, Il Museo Vaticano, Il Pantheon e bla bla bla mi sto annoiando a scrivere tutto ciò che troverete in una Lonely Planet. In questo articolo vi fornirò ben altre informazioni, ossia 5 cose da fare a Roma a cui non avete ancora pensato perché in realtà non vi sei sforzati troppo a farlo. Ma meno male che c’è Internet! Che siate turisti o abitanti del posto poco importa, le proposte e attività che troverete qui di seguito sono un’ottima opzione per rompere con la routine e vivere la città in un modo piacevolmente diverso.

Altro che farfalle nello stomaco

Si dice che quando una persona è innamorata sente le farfalle nello stomaco. Ebbene, c’è un luogo situato a due passi dall’Appia Antica in cui le farfalle le sentirete un po’ ovunque, indipendentemente dalla vostra situazione amorosa. Si chiama La Casa delle Farfalle ed è un giardino tropicale creato per darci la possibilità di vedere da vicino, in piena libertà, le farfalle più appariscenti del mondo. No, davvero, preparatevi per immergervi in una rigogliosa vegetazione e vedervi girare intorno farfalle molto ma molta grandi, dai mille colori e dalle mille fantasie. E preparatevi anche per spogliarvi perché la temperatura si mantiene sempre a 28ºC e con un’alta umidità. La Casa delle Farfalle rimarrà aperta tutti i giorni fino al 10 Giugno, affrettatevi dunque!

Mangia e bevi ché la vita è breve

 

Dopo aver vissuto la versione zuccherosa e magica de Gli Uccelli di Hitchcock ne La Casa delle Farfalle, è bene recuperare un po’ le forze con pietanze di qualità nonché a buon prezzo, ché la crisi mica è finita! E dove lo troviamo un posto del genere in una città così turistica come Roma? Da Enzo al 29, ad esempio. Questa piccola trattoria storica propone portate tipiche della cucina romana, tutte molto abbondanti e ad un prezzo competitivo se si tiene in considerazione che si trova nel cuore della città, a Trastevere. Il locale è piccolo e a volte c’è da aspettare un po’ prima di trovare un tavolo libero, però l’attesa ne varrà la pena. Magari non vi sembrerà un’attività particolarmente originale, però se ci andrete camminando all’indietro vedrete che lo diventerà 😉

 

 

Un caffè a casa di Papa Clemente IX

Ad aspettarvi non ci sarà lui, il defunto pontefice, bensì il gentilissimo staff dell’Hotel Antico Palazzo Rospigliosi. L’ex residenza del Papa, ubicata nel rione più antico della capitale, è infatti un albergo a 4 stelle in cui è possibile prenotare un soggiorno di poche ore e godere di tutte le sue comodità. Proprio così, il concetto di microstay si apre a nuove possibilità. In questo caso perché non approfittarne per prendere un caffè o bere un cocktail nel chiostro-giardino di questo spettacolare edificio del xvi secolo? Un paio d’ore in questo hotel è un’esperienza suggestiva che merita di essere vissuta almeno una volta. Provare per credere!

 

 

 

L’armadio con la password

 

Speakeasy, si chiamano così i bar “clandestini” che vanno tanto di moda adesso. L’idea prende spunto da quei luoghi occulti e segreti in cui era possibile consumare bevande alcoliche durante il proibizionismo americano. Anche gli speakeasy moderni si nascondono dietro un’attività commerciale comune. Per entrare al Club Derrière, ad esempio, è necessario passare da un armadio che troverete nella sala posteriore della conosciuta Osteria delle Coppelle, nell’omonima piazza, in pieno centro storico. Muniti di parola d’ordine l’armadio si aprirà e vi darà accesso al club segreto. Anche La Premiata Panineria al Pigneto, tra la Casilina e la Prenestina, nasconde uno speakeasy: si chiama Spirito e si entra da una cella frigorifera. Como ogni club segreto che si rispetti, non raccontate a nessuno della sua esistenza. Scrivetelo solo su Internet.

Creatività contemporanea

Ok le farfalle, il mangiare bene, il caffè dal Papa e i locali pseudo clandestini, adesso però è il momento della cultura. Non mi interessa se il luogo che sto per menzionare è indicato anche nella Lonely Planet, perché andare al Maxxi – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo sarà sempre e comunque un’attività originale e diversa da fare a Roma. Già il fatto che si tratti di cultura, ecco, diciamo che la rende poco comune. Tutto quel che riguarda la creatività contemporanea lo troverete qui: dalle mostre d’arte e di architettura, agli workshop, i convegni, laboratori, spettacoli, proiezioni, nonché diversi progetti formativi. Apre tutti i giorni eccetto i lunedì. Mi raccomando, andateci!

 

 

Please follow and like us:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *